Edoardo Freddi Logo

LA SICILIA SI PROSPETTA NUMERI DA RECORD PER LA VENDEMMIA 2021

Il Consorzio della Doc Sicilia nei primi mesi di quest’anno ha assistito a degli ottimi trend per i suoi vini e ritiene che la vendemmia 2021 sarà la migliore degli ultimi anni.

In Sicilia il caldo feroce non ferma la vendemmia cominciata proprio in questi giorni nella Sicilia occidentale e proseguirà nelle prossime settimane nel centro-sud e nella Sicilia orientale. Resta da capire quanto inciderà il caldo ma le previsioni restano comunque molto positive”.

La vendemmia appena iniziata si prospetta una delle migliori di sempre: secondo gli esperti sarà un’annata eccezionale per i vini bianchi e probabilmente anche per i rossi, se il clima non gioca brutti scherzi. Quest’anno le particolari condizioni climatiche hanno favorito la crescita di uve con proprietà organolettiche straordinarie e in quantità davvero generose, soprattutto in confronto al 2020. “Fino ad adesso è stata l’annata ideale, abbiamo avuto un inverno lungo, freddo e abbastanza piovoso, che ha permesso alle viti un ottimo riposo. Le miti temperature e le poche piogge primaverili, hanno rinfrescato i suoli, permesso un buon accumulo idrico per le piante e non hanno causato problemi fitoiatrici”. Si prevede che quest’annata supererà di circa il 10-15% la precedente in volume.

In questi primi mesi del 2021 i dati sugli imbottigliamenti e sull’esportazioni sono stati davvero incoraggianti. Le bottiglie prodotte in questo periodo ammontano ad oltre 50 milioni, segnando così un incremento dell’8% in termini di imbottigliamento. “Nel primo semestre del 2021 gli ettolitri imbottigliati a Etna Doc sono stati 18 693 con una crescita del 19% rispetto allo stesso periodo del 2020”. Si sono registrati ottimi valori anche per le esportazioni, soprattutto per i vini bianchi: questi hanno visto un incremento del +45% rispetto al 2020, mentre i rossi hanno segnato un +10%.

Di seguito alcuni dati relativi all’annata 2020. “I numeri ufficiali dell’annata 2020 confermano una produzione di 4,46 milioni di ettolitri, in media con gli ultimi 5 anni ma con un -11,3% rispetto alla media degli ultimi 10 anni. Grillo e Catarratto sono le varietà che nel 2020 hanno registrato performance produttive e qualitative migliori, con una produzione media di 110 quintali per ettaro”.

L’articolo completo de Il Sole 24 Ore è disponibile qui.

Per favore ruota cellulare in modalità portrait