IL PRIMITIVO DI MANDURIA HA REGISTRATO UNA CRESCITA DEL 26% NEL 2020

Il noto vino pugliese in un anno è riuscito a registrare una crescita notevole.

Mettendo a segno, nel giro di un anno, un +26 per cento, il Primitivo di Manduria, la Doc del rosso pugliese – un autentico brand e tra le più note in ambito internazionale – prosegue la sua espansione e consolida il successo di questi anni”.

Nel 2020 il Primitivo di Manduria, infatti, ha conseguito un fatturato di oltre 182 milioni di euro contro i 147,5 del 2019. Questo ha registrato, anche, un aumento notevole sul fronte del numero di bottiglie vendute, ovvero più di 28 milioni (nel 2019 23 milioni di bottiglie). Il Primitivo di Manduria è un vino molto apprezzato e conosciuto all’estero, basti pensare che il 70% della produzione è destinato all’estero.

Tutti numeri, questi, che si richiamano all’attività del Consorzio di tutela di Manduria cui sono associati 57 aziende e oltre 1500 viticoltori mentre l’area di produzione abbraccia 18 comuni, di cui 15 nella provincia di Taranto e 3 in quella di Brindisi”.

Tutto questo è poi possibile grazie al forte contributo e alla passione delle nuove generazioni, che stanno portando avanti quanto iniziato dai loro antenati.

L’articolo completo de Il Sole 24 Ore è disponibile qui.

Per favore ruota cellulare in modalità portrait